fbpx

Aggiornamenti sul movimento

La nostra storia

Quando è iniziata Sunrise, eravamo terrorizzati. La California è bruciata, le inondazioni hanno coperto il Midwest, gli scienziati ci hanno avvertito che avevamo bisogno di un’azione trasformativa del governo se volevamo sopravvivere. E i nostri politici non avevano alcun piano per fermare la crisi climatica. 

Va bene, hanno detto. 

Ci siamo rifiutati di accettare quella risposta. Ci proponiamo invece di rendere il clima una questione determinante per la nostra generazione e una priorità politica per i nostri politici. Siamo scesi in piazza a milioni, i giovani hanno avviato gli hub Sunrise in tutto il paese, abbiamo eletto la prossima generazione di politici. Insieme, abbiamo ispirato i giovani di tutta l’America a lottare per un New Deal verde.

La paura si è trasformata in speranza. E quella speranza ha cambiato le elezioni del 2020. I democratici hanno risposto. Oltre 20 candidati presidenziali hanno sostenuto il Green New Deal. Il presidente eletto Biden ha preso in prestito le nostre idee per scrivere il suo piano climatico. E quando è arrivato il momento per il presidente Biden di annunciare il suo atto legislativo, ha presentato un piano per il clima e l’occupazione. 

In soli due anni abbiamo costruito un nuovo consenso nel Partito Democratico – finalmente si è capito che la crisi climatica richiede una trasformazione completa della nostra economia e della società che il governo deve guidare.

Dopo anni di organizzazione, scioperi climatici, sit-in, blocco della Casa Bianca e persino alcuni dei nostri membri in sciopero della fame, abbiamo spinto il presidente Biden ad approvare una legge sul clima per la prima volta nella storia di questo paese. 

È un investimento atteso nel settore dell’energia pulita americana che apre nuove porte, ma ricorda anche che la corruzione e l’avidità continuano a dominare la nostra politica. Il disegno di legge era un compromesso su un compromesso. Non fermerà l’estrazione pericolosa di petrolio e gas, ma segnala che la transizione verso un nuovo mondo è iniziata – che non riguarda solo l’energia pulita.

Ci siamo rifiutati di accettare quella risposta. Ci proponiamo invece di rendere il clima una questione determinante per la nostra generazione e una priorità politica per i nostri politici. Insieme, abbiamo ispirato i giovani di tutta l’America a lottare per un New Deal verde.

Per la prima volta da decenni, la maggior parte degli americani ora vede il governo americano come una forza importante nelle nostre vite. Soprattutto a causa della pandemia di COVID, la maggior parte di noi si rende conto che il governo è necessario per sopravvivere a una crisi, nel bene e nel male.

E stiamo affrontando molte crisi. Usiamo i nostri banchi come scudi dai proiettili nelle nostre scuole. Migliaia di persone avvertono ogni giorno il peso del debito del prestito studentesco. Le scuole si stanno sgretolando mentre gli uragani infuriano più violenti e gli incendi divampano più grandi. 

La verità è che la transizione verso un nuovo mondo è già iniziata. Donald Trump e la sua odiosa ideologia hanno preso il sopravvento sul Partito Repubblicano. L’industria dei combustibili fossili ha svolto un ruolo centrale nel tenere la nostra democrazia in ostaggio dall’azione per il clima. La crisi climatica ha già trasformato la nostra Terra. E mentre questo nuovo mondo si forma, dobbiamo decidere insieme come sopravvivere a questo mondo più caldo e brutale.

Ma la domanda è: il nostro governo lavorerà per noi per fermare le crisi che affrontiamo e costruire il mondo che sogniamo, o aiuterà i miliardari a trarre profitto e gli estremisti violenti a dettare ciò che impariamo a scuola e a controllare i nostri corpi?

Quindi la coalizione di suprematisti bianchi, oligarchi e dirigenti aziendali legata ai combustibili fossili sta tenendo in ostaggio la nostra democrazia e sta cambiando le sue strategie. Non fingono più di lottare per un governo piccolo, ma invece utilizzano il governo per vietare i libri e gli aborti e per distruggere le nostre istituzioni pubbliche. Si stanno impadronendo delle nostre scuole e trasformano le aule in campi di battaglia. Questa coalizione ha giocato un gioco a lungo termine: assumere il controllo di ogni livello di governo in modo da poter imporre a tutti noi la sua agenda pericolosa per la vita. 

E non si arrenderanno senza combattere. Dalle multinazionali dei combustibili fossili che cercano di riprendersi aumentando furiosamente i prezzi del gas per i lavoratori, a una nuova classe di miliardari che sta emergendo cercando di arricchirsi dalla transizione: stiamo affrontando nuovi attacchi da tutte le angolazioni.

Proprio come il nostro mondo cambia, anche noi dobbiamo cambiare le nostre strategie. 

Cinque anni fa abbiamo trasformato la paura in speranza. Puntavamo ai vertici della politica americana. Ora dobbiamo trasformare quella speranza in una disciplina e coltivare i semi della rivoluzione dal basso verso l’alto. E i fatti restano ancora a nostro favore.

In tutto il Paese, decine di migliaia di giovani sognano ancora un Green New Deal. Per la prima volta da decenni, le persone vedono il clima come una vera priorità. Abbiamo ottenuto una massiccia azione da parte del governo per avviare la nostra transizione verso un mondo migliore. E ciclo elettorale dopo ciclo elettorale, è la nostra generazione che sta salvando il Paese dalla sua agenda. 

È giunto il momento di prendere il sopravvento, classe per classe, scuola per scuola, città per città. 

Se costruiamo il nostro movimento di massa, se chiediamo il potere nelle nostre città, possiamo conquistare il paese che conosciamo solo nei nostri sogni. 

Se riusciamo a ristrutturare le nostre scuole per far fronte alla più grande crisi che abbiamo mai visto, apriremo la strada affinché il resto della società segua.

Se organizziamo la gente comune per portare il Green New Deal nelle città e nei paesi di tutto il paese, possiamo ottenere una politica locale del Green New Deal che dimostri ai nostri vicini e ai nostri leader che questa è la soluzione di cui abbiamo bisogno.

Se costruiamo un movimento di migliaia di giovani organizzatori di ogni razza e classe, cambieremo il buon senso che ci ha portato a questo mondo distrutto e potremo sopraffare il denaro sporco e le multinazionali che attualmente hanno una stretta mortale sui nostri politici votandoli. fuori e votare per far entrare la nostra gente.

E infine, porteremo un Green New Deal interamente finanziato in ogni angolo dell’America.

Giorno dopo giorno, porta a porta, mano nella mano con i nostri vicini, semineremo i semi di un New Deal verde dal basso verso l’alto.

Leggi successivamente: