fbpx
Salta al contenuto
Aggiornamenti sul movimento

Il momento in cui siamo

Sfondo strutturato in carta gialla su un grafico con un grande testo grigio al centro con la scritta "The Moment We're In". In alto a sinistra c'è il logo del movimento dell'alba.

Il momento in cui siamo

È brutale qui fuori. Ogni giorno ci svegliamo con un altro titolo terrificante: un'altra sparatoria di massa, un capo di stato in corsa per la guerra, una nuova sentenza della Corte Suprema che abbatte la volontà del pubblico, o ancora un'altra inondazione, incendio o uragano alimentati da un pianeta in riscaldamento. E vediamo che il sistema politico in teoria dovrebbe affrontare questi problemi sull'orlo del collasso. I democratici a Washington trascorrono più tempo a puntare il dito dall'altra parte o a dirci di calmarci e votare che a proporre le soluzioni audaci di cui abbiamo bisogno. Certi giorni, mi sento come se fosse troppo e voglio solo tornare a letto.

Il fatto che siamo qui non è un caso. Il mondo in cui viviamo in questo momento è stato inventato da uomini ricchi e bianchi decenni fa. Hanno rilevato politici, collaborato con suprematisti bianchi e oligarchi, diviso le persone per razza, religione e geografia e hanno condotto con cura una campagna decennale per convincere milioni di persone a credere alla loro visione. Ora il loro sogno è il nostro incubo quotidiano.  

Ora, ciò che farà la nostra generazione determinerà se continueremo a vivere nei sogni più sfrenati dei ricchi e dei potenti, o se capovolgeremo il loro mondo. 

Guardando indietro a dove siamo stati

Negli ultimi anni, abbiamo visto il potenziale per la nostra generazione di prendere il sopravvento. I lavoratori stanno abbandonando il lavoro per chiedere un trattamento equo e organizzare i loro colleghi in sindacati. Abbiamo alimentato le più grandi ondate di protesta nella storia americana: le rivolte nel 2020, gli scioperi per il clima nel 2019 e March for Our Lives nel 2017 e nel 2018. Abbiamo sconfitto Donald Trump e riportato i Democratici al controllo del Congresso per la prima volta in un decennio, e abbiamo eletto leader potenti come AOC e Cori Bush e Summer Lee alla carica. 

Abbiamo ottenuto alcune vittorie lungo la strada e molti momenti strazianti in cui ci siamo avvicinati così tanto, ma non abbiamo vinto. Le città hanno aumentato i finanziamenti per la polizia, Joe Manchin ha bloccato l'agenda sul clima di Joe Biden. Se sei come me, in quei momenti probabilmente ti sentivi demoralizzato e impotente. Abbiamo lasciato tutto sul campo: raduni nelle città di tutto il paese, camminando per centinaia di miglia e alcuni facendo lo sciopero della fame. Ma Joe Manchin non si mosse. 

Per me, quando mi sono sentito scoraggiato, ho guardato indietro a dove è stato il nostro movimento. Ripenso a come erano le cose diverse nel 2017 quando mi sono unito a Sunrise: non c'erano COA o Jamaal Bowman, Donald Trump sembrava pronto a portare via con successo l'assistenza sanitaria a milioni di persone e il movimento giovanile per il clima era minuscolo. 

Nel 2017, il primo team di frontloading ha fissato due obiettivi ambiziosi per i prossimi quattro anni: 1.) Dare priorità al clima 2.) Convincere il pubblico a concordare sul GND come soluzione. All'inizio, molte persone dicevano che questo tipo di ambizione era ingenuo, ma poiché decine di migliaia di noi si sono impegnati a organizzare, ci siamo riusciti in modi piuttosto importanti.  

Nel 2016, gli elettori hanno classificato il cambiamento climatico come la 18a questione più importante per loro. Ora, anche in mezzo a una guerra, una pandemia, violenza armata e inflazione, il cambiamento climatico è costantemente tra le prime 5 questioni.

5 anni fa, la politica dominante adottata anche da persone come Bernie Sanders era una tassa sul carbonio, la "soluzione" climatica preferita dall'industria dei combustibili fossili. Abbiamo presentato il Green New Deal a milioni di persone e abbiamo messo la giustizia economica e razziale al centro della conversazione sull'azione per il clima. Abbiamo ancora del lavoro da fare per costruire un profondo sostegno alla visione, soprattutto di fronte agli attacchi di Fox News e dell'establishment democratico, ma abbiamo completamente trasformato la conversazione sul cambiamento climatico. 

Il nostro piano

Il team di frontloading iniziale ha anche fissato un terzo obiettivo, che sapevano sarebbe stato una lotta più lunga oltre il piano quadriennale: iniziare a vincere il Green New Deal a tutti i livelli di governo. Abbiamo ottenuto alcune vittorie, soprattutto a livello locale, ma nel 4 non siamo stati all'altezza in molti altri luoghi e a livello federale. Costruire il potere locale necessario per raggiungere questo obiettivo è la missione che dobbiamo assumerci nei prossimi anni.

L'obiettivo di Sunrise 2.0 è impostare il nostro movimento per creare efficacemente il potere delle persone, spostare l'opinione pubblica, mettere al potere le persone comuni e ottenere vittorie locali che diano slancio al cambiamento nazionale. Se lo facciamo, possiamo costruire il tipo di potere che non può essere trattenuto dai capricci dei ricchi a Washington. 

Il Frontloading Team ha individuato 4 interventi principali necessari per arrivarci:

  1. Campagne locali del New Deal verde: Per due ragioni, riteniamo che le campagne locali siano il modo migliore per Sunrise di continuare la lotta per le politiche federali del Green New Deal. In primo luogo, le probabilità di vincere a livello nazionale sono basse con Joe Manchin che blocca l'azione e i repubblicani che probabilmente guadagneranno seggi questo novembre. Non pensiamo che sbattere la testa contro un muro sia il miglior uso del tempo. In secondo luogo, le campagne locali sono un modo fondamentale per costruire una forte leadership locale e basi che abbracciano razza e classe. In questo modo, la prossima volta che ci sarà l'opportunità di vincere le politiche federali del Green New Deal, probabilmente all'inizio del 2025, avremo il potere di interrompere gli affari come al solito e costringere i leader del governo ad agire in modi che non avremmo potuto nel 2021.
  2. Movimento multirazziale di classe incrociato: Costruire un movimento attraverso la razza e la classe è la nostra unica possibilità di costruire abbastanza potere per vincere un Green New Deal che non lasci indietro nessuno. Dobbiamo impegnarci insieme a trasformare la composizione della base di Sunrise, che storicamente è stata a maggioranza bianca e di classe media o alta. Ciò richiederà a tutti noi di impegnarci a lavorare intenzionalmente su ogni aspetto di Sunrise nei prossimi anni. 
  3. Democrazia interna: Con la crescita di Sunrise, abbiamo lottato con la mancanza di sistemi e strutture chiari per prendere decisioni sulla direzione di Sunrise. Costruire sistemi democratici interni aiuta il nostro movimento ad agire con unità e prendere decisioni più forti. Inoltre, un processo decisionale democratico e trasparente offre a tutti gli hub e ai capitoli un chiaro interesse nella direzione del movimento, non solo nella nostra strategia locale.
  4. Sviluppo del Comando: Abbiamo grandi obiettivi per i prossimi anni e non saremo in grado di raggiungerli a meno che non sosteniamo le persone ad assumere una leadership sostenibile e non esaurirsi. La nostra organizzazione nazionale, hub e capitoli devono tutti orientarsi verso questo progetto.

Il DNA di Sunrise 2.0 è tutto costruito attorno all'aiutarci a raggiungere questi quattro grandi cambiamenti che il team di frontloading ritiene ci aiuterà a costruire un movimento potente in grado di riprendere da dove Sunrise 1.0 si era interrotto portando il Green New Deal nel cuore delle nostre comunità e iniziando per vincere il cambiamento in linea con il Green New Deal. 

Non saremo in grado di farlo dall'oggi al domani. Ci saranno di nuovo momenti in cui saremo sopraffatti e in cui ci sentiamo impotenti. Ci saranno tragedie per le quali non abbiamo le parole. Questa strategia non avrà tutte le risposte, ma penso che in un momento tumultuoso come il presente, sarebbe arrogante per noi pensare che qualsiasi strategia che sviluppiamo potrebbe. Ma credo profondamente che se ci impegniamo in questo percorso di organizzazione e costruzione di basi multirazziali tra classi, possiamo affrontare insieme questi tempi difficili e trasformare le nostre comunità e alla fine il nostro intero paese.